L'Ottuplice Sentiero
Grande statua di bronzo del Buddha situata a Ngong Ping Lantau Island a Hong Kong.

L'Ottuplice Sentiero

 

SILA: LA VIRTU'

 

I Retta parola: il primo sentiero da seguire individua nell’uso della “parola” un momento fondamentale. Le “parole” non sono “semplicemente” parole. Attraverso di esse si possono ferire le persone in modo estremamente profondo e quindi è importante prestare molta attenzione a ciò che si dice e a come lo si dice, evitando a tutti i costi la menzogna.

L’obiettivo da raggiungere è quello di dare significato alle parole in modo che possano essere messaggi positivi capaci di migliorare la vita di coloro con i quali si entra in relazione.

 

Strada per il monastero tibetano di kye Gompa. Valle dello Spiti, himachal Pradesh

III Retta sussistenza: la terza via da seguire riguarda lo stile di vita legato ai beni materiali. Questo sentiero indica due elementi importanti: il primo la modalità con cui si procurano i mezzi di sussistenza, il secondo l’importanza che viene data ai beni.

Il primo elemento ricorda che il modo con cui si ottiene ciò che è necessario per vivere segna la qualità morale della vita stessa, le dà un orientamento. I beni procurati facendo ricorso a pratiche illegali, o danneggiando la vita del prossimo, non possono fare altro che arrecare dolore.

Il secondo elemento pone l’accento sul fatto che una vita giusta, vissuta nell’essenzialità, in quella corretta via di mezzo che non è né fuga da tutto ciò che materiale, né attaccamento alla ricchezza, educa la mente alla libertà.

 

II Retta azione: tutto ciò che si compie, tutte le azioni sono influenzate positivamente o negativamente dai pensieri. Una azione giusta è frutto di una intenzione giusta e la meditazione è certamente di aiuto per sviluppare un comportamento morale migliore.

Il principio generale da seguire è quello di concentrarsi sul fatto che è giusto cercare il bene degli altri prima che il proprio. La gioia proviene dalla coscienza di agire per il bene di tutto.